Previdenziale > Archivio News martedì 4 giugno 2019

CCNL Metalmeccanici Unionmeccanica 3 luglio 2017 (Scadenza 31 ottobre 2020)

Elemento perequativo anno 2019

Con la retribuzione di giugno 485 euro in busta paga ai lavoratori del CCNL Unionmeccanica Confapi


Secondo quanto previsto dal C.C.N.L. Unionmeccanica del 3 luglio 2017 a decorrere dall’anno 2008, con la retribuzione del mese di giugno, ai lavoratori in forza alla data del 1° gennaio di ogni anno (1° gennaio 2019) va corrisposto un elemento perequativo (previsto dall’accordo del 25 gennaio 2008) per un importo complessivo pari a 485,00 euro, da considerarsi onnicomprensivo e non incidente sul trattamento di fine rapporto.

Tale importo spetta ai lavoratori che nell’anno precedente (1° gennaio 2018 - 31 dicembre 2018) abbiano percepito un trattamento retributivo composto esclusivamente da importi retributivi individuati dal C.C.N.L. (ad es. lavoratori privi di superminimi collettivi o individuali, premi annui o altri compensi comunque soggetti a contribuzione) e privi, pertanto, di riconoscimenti retributivi aggiuntivi in forza di una contrattazione di secondo livello.

Per quanto attiene ai lavoratori che hanno percepito trattamenti retributivi aggiuntivi rispetto a quelli previsti dal C.C.N.L., ma in misura inferiore a 485,00 euro, a costoro spetta un importo integrativo fino a concorrenza di 485,00 euro annui, purché siano rimasti in forza presso l’azienda per tutto l’anno 2018.

L’importo corrisposto è soggetto ai contributi previdenziali e d’assistenza dovuti con la retribuzione del mese di giugno ed è altresì assoggettato alla tassazione ordinaria.

L’erogazione dell’elemento perequativo non è dovuta nelle seguenti ipotesi:

• Aziende che hanno stipulato accordi collettivi di 2° livello (aziendali o territoriali) con contenuti economici aggiuntivi della retribuzione di qualunque natura (non solo quindi premi o superminimi, ma anche servizi o benefici di natura economica);
• Aziende che pur non avendo stipulato accordi collettivi, di cui al punto precedente, hanno corrisposto nel 2018 ai lavoratori in forza al 1° gennaio 2019, una retribuzione complessivamente superiore a quella prevista dal C.C.N.L. in misura pari o superiore a 485,00 euro/anno.

Per i lavoratori assunti nel corso del 2018 occorre verificare mensilmente (considerando come mese intero anche la frazione di mese superiore a 15 giorni), il diritto all’erogazione della quota mensile dei 485,00 euro annui, in funzione del trattamento retributivo aggiuntivo eventualmente percepito rispetto a quello previsto dal C.C.N.L.

Ulteriori informazioni possono essere richieste al Servizio Previdenziale di API Torino (011 4513.248 - previdenziale@apito.it).












  
contatta la redazione

Dai servizi

30/07/2019  -  Tecnico

F-Gas

30/07/2019  -  Relazioni Internazionali

Nuova Zelanda

24/07/2019  -  Relazioni Internazionali

Le imprese di API a MECSPE 2020

23/07/2019  -  Tecnico

CONAI

23/07/2019  -  Relazioni Internazionali

Nuova normativa in Arabia Saudita

16/07/2019  -  Tecnico

Conflict Minerals

10/07/2019  -  Area Innovazione

Nuovo bando regionale PI.TE.F.

x

Contatta la Redazione


Ragione sociale*
Partita IVA
Nome*
Cognome*
Indirizzo
Località
Email*
Telefono*
Cellulare*
Messaggio: *